Come Creare una Panchina 3D in AutoCAD

Vediamo insieme come realizzare in AutoCAD il modello tridimensionale di una panchina moderna, dalle linee semplici, alla quale possiamo successivamente attribuire un materiale come il marmo, ed inserirla nelle nostre rappresentazioni foto realistiche.

Vediamo come creare una semplice panchina da aggiungere ai nostri modelli tridimensionali. In questa guida ci limiteremo ad eseguire semplici estrusioni di forme geometriche. Possiamo iniziare quindi a realizzare 3 semplici parallelepipedi e vedere come farli interagire tra loro. Andiamo quindi a creare un primo rettangolo.

Avendo impostato come unità di misure il sisema metrico, un rettangolo 1,20 x 0,50 per poi estruderlo per un’altezza di 0,10. Successivamente andiamo a realizzare il basamento della panchina, ovvero 2 semplici parallelepipedi dalla base 0,10 x 0,50 estrusi per un’altezza di 0,30 (realizzarne solamente 1 e poi copiare).

Chiaramente dovremo muovere uno dei solidi realizzati ad una altezza diversa. Quindi quando impostiamo una vista prospettica, con la barra delle applicazioni o dal menù VISUALIZZA – Punti di vista 3D, prendiamo il prendiamo la seduta della nostra panchina, e spostiamola ad un’altezza di 0,30 in modo da avere un oggetto dalle proporzioni corrette.

Una variante esteticamente più gradevole può essere realizzata semplicemente utilizzando degli ovali come base di appoggio, sostituendoli quindi ai parallelepipedi. Allo stesso modo anche la seduta potrà avere un profilo ovale, o più semplicemente un parallelepipedo dagli spigoli arrotondati, ma per eseguire questa geometria in Autocad, è necessario intersecare più geometrie cilindriche.

Come Creare un’Attività in Outlook

Le Attività ricordano in parte, soprattutto a chi si occupa di project management, le attività di progetto, che possono rappresentare le unità base di attività che costituiscono un progetto. Con outlook questo processo è molto semplice, seguimi in questa mia breve guida e vedrai tu stesso.

Per creare una nuova attività, posizionati all’interno del grupo Attività e fai clic sul pulsante Nuovo della Barra degli strumenti Standard di Outlook. Nella finestra Attività descrivi un Oggetto, definisci una Scadenza ed eventualmente una Data di inizio. Se vuoi, specifica o personalizza il Promemoria e definisci la Priorità.

Outlook ti offre anche la possibilità di inserire una descrizione (dove magari puoi riassumere gli obiettivi dell’attività) e di aggiungere eventuali file allegati, utili allo svolgimento del compito. Per inserire un allegato fai clic sul pulsante Inserisci file dalla Barra degli strumenti Standard della finestra Attività.

Oltre alle informazioni generali sull’attività, puoi specificare altri dettagli che sei in grado di raccogliere nella scheda Dettagli della finestra Attività. Alla scadenza di ciascuna attività puoi associare un promemoria, che si preoccupi di segnalarti il completamento del lavoro. Per determinate attività, ti consiglio di anticipare la scadenza nel promemoria, così anticipi il termine del lavoro, non rischiando ritardi.

Come Unire File Video

Come unire più video in uno in modo molto semplice?

Questa è una domanda che si chiedono in molti, sono pochi i software che ci permettono di unire più video in uno, e sono ancora più pochi i software che ci permettono di fare questo in modo molto semplice.

Fortunatamente esiste un programma che ci consentirà di unire video in modo molto semplice.

Questo programma si chiama Free Video Joiner, grazie a Free Video Joiner potremmo unire più video in uno in modo molto semplice, infatti questo programma, che supporta i formati AVI (DivX, XviD, MPEG4), WMV, MPEG (MPEG1 e MPEG2), MP4, MOV, DVD e VCD, non solo ci permetterà di unire più file in uno, ma ci permetterà anche di salvare il risultato dell’unione dei nostri video nel formato che desideriamo.

Utilizzare questo programma è molto semplice, basterà aggiungere i video che vogliamo unire cliccando su add, poi dovremmo selezionare il formato in cui vogliamo il filmato finale e cliccare poi su Join.

Insomma, Free Video Joiner ci permetterà di unire vari tipi di video in modo semplice e veloce.

Recensione Cornice Digitale Generic PMP-1015

Guardando questo modello sembra davvero passato un secolo da quando ci si limitava a inserire una solo fotografia nella cornice che rimaneva immutata per sempre sopra un mobiletto.

Oggi la tecnologia è protagonista non solo nelle immagini, in quanto consente di modificarle in molti modi, ma anche dei supporti; per molti utenti la migliore cornice digitale, quella più adatta alle proprie esigenze potrebbe essere una delle più avanzate tecnologicamente.
Da questo punto di vista il modello in questione non si limita a far scorrere le foto ma fa molto di più. In particolare offre due ulteriori vantaggi: il primo è quello di supportare sette tipi di file audio, come gli MP3, per cui è possibile accompagnare i ricordi più belli con la musica preferita; il secondo è che il dispositivo supporta anche venti diversi formati di file video, quelli più comunemente utilizzati, con grande beneficio per l’utente che può rivivere i suoi ricordi in qualunque modo siano stati archiviati.

Schermo e risoluzione
A molti sarà capitato di ritrovarsi con la fotocamera o lo smartphone pieno di fotografie e con la conseguente esigenza di stamparle: un’operazione noiosa da fare a casa o dispendiosa se ci si rivolge a un fotografo professionista.
La cornice digitale può rappresentare una valida soluzione ma per godere appieno del piacere trasmesso, per esempio, dall’immagine di una vacanza indimenticabile è importante valutare le dimensioni dello schermo.
Un display piccolo, come può essere quello da 7”, ha il vantaggio di occupare molto meno spazio sul comodino o sulla mensola rispetto a uno da 15” o superiore.
Il modello di cornice digitale che stiamo considerando ha uno schermo da 10,2”, un buon compromesso tra le varie esigenze perché non è eccessivamente ingombrante ma permette una buona visione anche da lontano.
L’elevata risoluzione da 1024 x 600 pixel assicura, inoltre, un’ottima qualità delle immagini per offrire all’utente il massimo piacere nella visione degli scatti preferiti.

Tecnologia e memoria
La cornice digitale in questione è un modello tecnologicamente avanzato che garantisce numerosi benefici all’utente. Per esempio, a differenza di altre cornici digitali simili, dispone di ingresso HDTV per permettere il collegamento con il televisore e godere delle immagini con la qualità dell’alta definizione.
E proprio come un piccolo televisore, il dispositivo ha il vantaggio di poter essere controllato a distanza grazie al telecomando in dotazione.
Colpisce anche l’impressionante memoria interna di 4 GB che garantisce il beneficio di archiviare una mole notevole di foto e video senza dover acquistare una scheda esterna, per la quale è comunque previsto l’apposito slot.

Principale vantaggio
Il grande beneficio che l’utente ottiene da questo modello è la versatilità: consente di visualizzare non solo normali fotografie ma anche video, e di ascoltare brani musicali.

Principale svantaggio
Manuale e menu non sono in italiano.

Verdetto
Questa cornice digitale è tecnologicamente avanzata perché multifunzione, supporta numerosi formati audio e video, è dotata di comodo telecomando e ha una memoria interna pari a ben 4 GB.

Come Funziona la Posta Elettronica

Con questa guida, impareremo a conoscere la forma di messaggistica più utilizzata al mondo: la posta elettronica. Inoltre impareremo a configurare un software di invio/ricezione email e impareremo a proteggerci dai virus e dallo spam.

A cosa serve
L’email, o come viene chiamata comunemente posta elettronica è uno dei tanti servizi che Internet mette a disposizione. Oltre ad essere uno dei tanti servizi è anche quello più utilizzato dagli utenti di Internet, infatti tramite l’email e’ possibile comunicare ed inviare dati a qualsiasi Utente che possiede un suo indirizzo email, I messaggi vengono inviate e ricevuti in tempo reale, passano pochi secondi dall’invio alla ricezione.
Inoltre questo servizio permette la comunicazione non solo tra utenti regionali o Nazionali, ma con gente di tutto il mondo. Esistono anche molti programmi che solitamente gestiscono i Server internet che sono dotati di un servizio di invio email automatico, che vengono inviate agli utenti come un risultato di un avvenuta registrazione presso qualche sito.
Un indirizzo email è formato dalla seguente dicitura: utentente@dominio.sg La parola utente è il nome di un destinatario univoco nel mondo, infatti non esisteranno mai due Rossi Mario con la stessa email, invece il dominio è l’identificativo di un Dominio internet. Le ultime due sigle determinano il suffisso di un dominio. Ad esempio it per italia, eu per europeo, tv per televisivo, ecc.
Le caselle email non sono sempre gratuite, la differenza da quelle a pagamento è che un determinato dominio può mettere a disposizione un servizio superiore a quello gratuito, ad esempio se quello gratuito mette a disposizione l’invio di un messaggio di 5Mb, quello a pagamento ti darà la possibilità di inviare un messaggio più grande di 5Mb.
Spesso però le email sono gratuite e prevedono la ricezione solo ad un solo utente. Alcuno provider professionali chiamati IPP offrono l’assegnazione di un POP3 con infinite caselle email, in un determinato Dominio. Esistono svariate applicazioni in grado di amministrare l’EMAIL, queste applicazioni sono chiamate MAILER e fanno riferimento ai protocolli POP3 (ricezione) e SMTP (Invio).

Server
IPP
Il termine IPP significa Internet Presence Providing. Questa sigla indica l’ospitare su dei computer dedicati collegati ad internet 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno, i file che qualcuno mette a disposizione, affinchè siano visibili e disponibili ad altri utenti della rete. Di solito questi file sono costituiti da siti internet, ma possono essere anche database, file video, file musicali ecc, che possono essere eseguiti o scaricati tramite FTP. L’ospitalità di questi file viene offerto gratuitamente da alcune ditte, che però pongono delle restrizioni. Proprio nei servizi di IPP vengono prestati in abbinamento alla spazio richiesto altri servizi tra cui SMTP e POP3.
SMTP
L’SMTP è una sigla inglese che sta per Simple Mail Transfer Protocol che tradotto in lingua italiana significa protocollo di trasferimento di semplice corrispondenza. Questo protocollo è il più diffuso per l’invio di messaggi di posta. Come detto in precedenza, di solito il servizio SMTP viene offerto dallo stesso fornitore che offre il servizio di connessione ad internet, oppure da quelli che offrono l’Hosting. Come è possibile capire, in internet si usano sistemi e protocolli diversi per l’invio e la ricezione di email, tanto che a volte occorrono due account differenziati, d’altronde anche l anormale corrispondenza viene ricevuta nella personale cassetta postale ed inviata da una cassetta postale differente.
POP3
Il POP3 è la sigla del protocollo che gestisce la ricezione delle email. Questo protocollo utilizza una struttura per l’invio e lo smistamento che è di questo genere: utente@account.sigla, dove per utente si intende il destinatario dell’email e l’account è il dominio di dove tale utente abita. Possono esserci più di un utente che abita presso lo stesso dominio, ma ogni utente del dominio non è mai uguale al suo inquilino.
Configurazione
La configurazione dell’email non è molto difficile, quindi è possibile configurarla senza l’aiuto di un tecnico. La configurazione avviene tramite dei software che danno la possibilità di inviare e ricevere informazioni, in questo paragrafo vedremo come configurare i software più diffusi.

Come inviarle
Esistono tanti modi per inviare una mail, oltre ai software dedicati a fare ciò, è possibile inviare le email anche tramite i siti messi a disposizione dai domini su cui ci siamo registrati. Molti domini però mettono delle restrizioni, in quanto non ti permettono di inviare e ricevere mail tramite software se non usi la loro connessione, ad esempio se abbiamo una connessione internet con Libero, potremmo utilizzare il software di invio/ricezione delle email, ma se abbiamo una connessione a Libero e contemporaneamente abbiamo sottoscritto un account email con alice, potremmo inviare e ricevere email con l’account di alice solo tramite il loro sito.
Per inviare una mail con Outlook, dopo aver avviato il programma, basta cliccare il alto a sinistra sull’icona Crea messaggio. Si aprirà una nuova finestra avente quattro campi vuoti. Nel primo campo, quello con la dicitura A: va inserito l’indirizzo del destinatario.
Cliccando su A: si aprirà la rubrica, infatti questo programma, ma anche gli altri, da la possibilità di memorizzare gli indirizzi email in una rubrica, e richiamarli ogni volta che è necessario. Se abbiamo bisogno di inviare il messaggio a più destinatari, basta inserirli nel campo Cc:, infatti questo campo va riempito solo se dobbiamo inviare a più destinatari, ogni destinatario va separato da un punto e virgola. Se il destinatario è uno solo, il campo Cc: non va rimepito. Il terzo campo, quello con la dicitura Oggetto, serve a dare un titolo al nostro messaggio, se non inseriremo nulla, il destinatario visualizzerà il nostro messaggio senza oggetto.
Infine abbiamo un grosso campo, qui verrà inserito il messaggio vero e proprio. Ci viene data anche la possibilità di cambiare carattere, grandezza del carattere, inserire un immagine, e fare tutte le modifiche che mette a disposizione anche word. Per allegare un file al nostro messaggio, basterà aprire dal menù inserisci il campo allegato. Selezioneremo il file da inviare nella nuova finestra aperta, e il nostro file sarà allegato al messaggio. Infine basterà cliccare sull’icona invia per inviare il messaggio.

Virus
Tramite email vengono diffusi la maggior parte dei virus, infatti sono tantissime le persone che usano questo mezzo di messaggistica per inviare virus in allegato ai messaggi. Non basta, ma esistono anche dei virus che una volta che ci hanno attaccati, si replicano da soli inviandosi a nostra insaputa ai destinatari della nostra rubrica, mascherandosi sotto il nostro nome.
Per questo motivo bisogna fare molta attenzione prima di aprire un messaggio di posta elettronica. E’ consigliato eliminare immediatamente messaggi la cui provenienza non è conosciuta. I virus sono solitamente inviati tramite email in allagato, sotto forma di un file con un estensione.exe e quindi un file eseguibile.
Tutti i software di antivirus sono dotati di uno scanner per le email in entrata e quelle in uscita, anche per questo è consigliato mantenere aggiornato il software di antivirus, perché ogni giorno nasce un nuovo virus. Esistono però dei virus che non vengono riconosciuti dagli antivirus, questi virus, vengono inviati in allegato ai messaggi con un estensione.bat, questi file sono molti pericolosi, perché possono provocare danni irreversibili al nostro sistema.
Esiste anche un’altra classe di virus molto pericolosa che si diffonde per email, sono virus chiamati troyan, il loro compito è quello di dare il comando del nostro pc agli hacker che quindi possono impadronirsi dei nostri dati più importanti.

Messaggi di spam
Lo spam è l’invio di grosse quantità di messaggi indesiderati, generalmente sono messaggi pubblicitari che vengono inviati tramite email. Lo scopo dello spam è la pubblicità di offerte commerciali e proposte di vendita. Lo spammer, che è il termine con cui viene identificato chi invia lo spam, invia messaggi uguali a migliaia di indirizzi email.
Lo spammer raccogli gli indirizzi dei destinatari tramite la rete attraverso programmi appositi. Lo spam oggi è considerato il maggiore fastidio di internet. Inviare pubblicità senza il consenso del destinatario è una frode, infatti se questa attività viene svolta a fini di guadagno viola una norma penale, e il fatto può essere denunciato alle autorità giudiziarie.
La maggioranza degli ISP inibisce ai propri utenti di fare spam e in caso di infrazione essi vengono espulsi dai loro servizi. Identificare l’ISP di uno spammer e denunciarlo frequentemente porta alla fine dell’abbonamento. Esistono due servizi SpamCop e Network Abuse Clearinghouse che forniscono mezzi automatici o semi automatici per denunciare spam agli ISP.
Gli ISP molte volte non pongono in atto misure preventive per impedire l’invio di pubblicità, come ad esempio porre un limite massimo di destinatari a cui inviare la stessa email ed un limite di invio giornaliero di email. Gli ISP a volte oltre a bloccare l’account, disattivano anche la connessione a Internet, che può essere permanente se l’abbonamento è a Ip statico. Per difendersi dallo spam esistono svariati servizi e software messi a disposizione dei server e degli utenti.
Alcuni software operano rifiutando i messaggi provenienti da server che vengono riconosciuti come spammer. Invece esistono anche altri software che controllano in automatico il contenuto delle email ed eliminano quelli ritenuti spam.

1 2 3 24