Author Archives: admin

Migliori Programmi per Recupero Dati

A chi non è mai capitato di cancellare dei dati importati sul proprio pc o sul proprio smartphone? E’ possibile recuperarli oppure sono persi definitivamente? In rete è possibile scaricare alcuni programmi specifici in grado di ripristinare ogni tipo di file in pochi secondi. Leggi la guida per conoscerne le caratteristiche, tipologie e come scegliere il miglior programma per il recupero dati in base alle proprie esigenze.

Recuva
Tra i migliori software per il ripristino dei file, Recuva è uno dei più affidabili. E’ totalmente gratuito e può essere scaricato direttamente dalla pagina a lui dedicato. Vediamo come fare. Per scaricarlo occorre cliccare sul link Piriform.com. Quando il download è terminato è necessario aprire il software, impostare la lingua cliccare sul pulsante Avanti e successivamente su Installa e su Fine. A quel punto il setup verrà completato e per rendere Recuva funzionante occorrerà riavviare il pc.
Ma come recuperare il file perso? La procedura è semplice. Una volta aperto il software si clicca su Avanti, si sceglie il tipo di file da ripristinare, si clicca nuovamente sul pulsante Avanti, si sceglie l’unità dove cercare il file, si clicca ancora su Avanti e infine si dà l’avvio. In quel momento Recuva inizia la sua attività di ricerca e ripristino dati, che può durare diversi minuti.
Il file trovato di solito presenta un semaforino colorato. Se quest’ultimo è verde allora il file è recuperabile totalmente se invece è arancione allora è danneggiato mentre se è rosso non è leggibile. Tuttavia per ripristinarlo occorre mettere la spunta su di esso e cliccare sul pulsante Recupera.

Orion File Recovery
Anche questo software è gratuito ed è in grado di ripristinare ogni tipo di file su ogni tipo di dispositivo. E’ possibile scaricarlo dalla sua pagina web cliccando sul pulsante Download Free. Una volta scaricato per completare il setup occorre aprire la finestra e cliccare sul pulsante Accept (avendo cura di non istallare tooblar) e infine su Finish.
Per ripristinare il file o i file che ci interessano occorre cliccare dapprima sul pulsante Recover Files, selezionare i file da ripristinare e cliccare su Avanti e su Fine per iniziare la scansione. Dopo alcuni minuti, dopo che il software ha elencato i file da noi richiesti, per ripristinarli occorre effettuare il comando Ctrl+click sul nome, su Recover e infine su I have selected everything I want. Per un controllo più approfondito occorre premere il pulsante Deep Scan. Anche in Orion File Recovery i file presentano un quadratino colorato che indica il grado di recuperabilità del file: se rosso è completamente danneggiato, se arancione parzialmente danneggiato se verde può essere ripristinato.

TestDisk
TestDisk è il software ideale per ripristinare i file persi su una scheda SD. E’ gratuito e scaricarlo è semplicissimo. Basta collegarsi alla pagina web specifica e cliccare sul pulsante Windows. Una volta scaricato occorre aprire il software, cliccare su di esso ed estrarne il contenuto che andrà a posto in una cartella da noi scelta.
Per utilizzarlo occorre anzitutto lanciarlo, e sulla finestra che si aprirà cliccare sul pulsante Sì. Si aprirà una nuova finestra con dei comandi, premiamo il tasto Invio della nostra tastiera. A quel punto selezionare l’unità che indica il nostro lettore memory card e cliccare sulle voci Intel e Advanced. Comparirà una lista di file, che sono i file presenti sulla scheda SD, selezionare quello che ci interessa ripristinare e portarlo nella cartella di destinazione premendo due volte consecutive C sulla nostra tastiera. I file in rosso sono danneggiati completamente.

Come Sapere il Tempo Passato al Pc

Il Computer al giorno d’oggi è uno strumento di indiscussa utilità, che si usa per lavorare, studiare o nel tempo libero. Inoltre con l’avvento di Internet, collegarsi alla rete è anche un importante spunto per informarsi.

Di conseguenza le ore che si passano davanti al computer quotidianamente possono essere tante. E’ possibile monitorare e studiare il tempo che passiamo davanti al computer grazie ad una applicazione online che ci farà quantificare il tempo passato al PC.

PC ON/OFF TIME è un software gratuito che permette di misurare quando tempo ci troviamo davanti al PC. Tramite alcuni grafici l’applicazione mostra il monitoraggio del tempo trascorso al computer nell’arco di tre settimane, lasciandoci visualizzare quando il PC è stato attivo. Grazie al grafico potremo osservare quali sono i giorni in cui eccediamo e quali invece quelli dove ignoriamo il nostro computer.

Il software è disponibile in versione portable ed è supportato da tutte le versioni di Windows. Pesa solo 500 kb e visto che non richiede istallazione è tranquillamente trasportabile da un PC ad un’altro con l’uso di una chiavetta.

Come Orientare l’Antenna Parabolica

Dovete orientare la vostra antenna parabolica nuova e non sapete come fare? State per chiamare un antennista? Fermi! Fate un bel respiro e leggete questa fantastica guida che insegna passo per passo come orientare correttamente la parabola per vedere i canali TV.

Acquistiamo la strumentazione
Per iniziare rechiamoci presso un negozio di elettronica ed acquistiamo un tester per il segnale satellitare della parabola. In commercio ce ne sono molti e i prezzi variano dai 5 € ai 30 €. Basterà anche acquistare quello più economico. Lo strumento deve essere uguale a quello nella foto.

Facciamo i collegamenti
Andiamo dietro al decoder satellitare, stacchiamo il cavo proveniente dalla parabola e colleghiamolo all’entrata “In” del tester per il segnale satellitare. Ora colleghiamo il tester con il decoder con un pezzo di cavo (uscita Out). Accendiamo il decoder per rendere operativo il tester.

Cerchiamo il satellite
Impostiamo la manopola del tester alla massima potenza e muoviamo la parabola fino a vedere la lancetta del tester alzarsi (potete farvi aiutare da un amico). Se il tester è dotato di emettitore sonoro sentirete un beep prolungato quando aggancerete il decoder. Agganciato il satellite ricolleghiamo il cavo originale al decoder e fissiamo la parabola. Semplice vero?

Come Progettare un Sito

Un sito web permette alle aziende di affermare la propria presenza in rete, aggiornare i clienti sulle attività aziendali e, in alcuni casi, creare un nuovo canale di business grazie all’attivazione della possibilità di effettuare vendite direttamente online.

Ma non è sempre semplice creare un sito web efficiente, che crei relazioni durature con gli utenti, legandoli strettamente all’azienda. Certo, tecnicamente è un’attività alla portata di tutti, e quelli che si possono vedere ogni giorno in rete ne sono l’esempio. Ma questi siti improvvisati, purtroppo, aggiungono ben poco valore all’immagine aziendale. Per realizzare un prodotto capace di generare valori positivi e di creare nuovi flussi di business, è indispensabile seguire le sei fasi che seguono.
La prima cosa da fare è analizzare quello che viene realizzato dalla concorrenza, stabilendo quali sono gli elementi efficaci e quali invece non lo sono. Fatti alcune domande:

La struttura, la grafica e i colori utilizzati e i testi che vedo, cosa mi comunicano, relativamente all’azienda a cui appartiene?
Questo sito mi permette di accedere facilmente alle informazioni di cui ho bisogno?
C’è motivo per cui debba tornare a visitarlo? Come ad esempio qualcosa che mi fa capire che alcune sezioni verranno periodicamente aggiornate? Conoscere quello che fanno gli altri ci permette, infatti, di capire meglio cosa vogliamo realizzare noi.
Una volta definiti il tono e lo scopo è necessario creare un bozzetto, anche con carta e penna, con lo schema delle pagine che ne faranno parte.

Schema generale
È la struttura dell’impianto web e ne fanno parte tutte le pagine che lo comporranno. È necessario, in questo caso, utilizzare uno schema basandosi sulla logica del visitatore. Solitamente i web designer utilizzano, nella progettazione, una struttura gerarchica in cui la prima pagina si trova in alto, da cui poi partono le pagine successive.
Schema delle pagine
In questo schema il contenuto deve essere diverso per le singole pagine, anche se è necessario impostare una struttura basica che sarà il modello per ogni pagina. Questo serve per assicurare ai visitatori una continuità visiva e di struttura che evita che si sentano disorientati nella navigazione. In questa fase è necessario individuare la posizione in cui andranno collocati i link che consentono di passare alle pagine successive, e decidere se si desidera utilizzare i colori, i font e gli stilismi grafici degli altri materiali di comunicazione utilizzati dalla comunicazione aziendale.
Dominio
Il dominio è, tecnicamente, l’indirizzo che va digitato nel browser per raggiungere un determinato sito. Per poter utilizzare un determinato indirizzo, però, prima è necessario verificare che sia disponibile e successivamente registrarlo. Nel caso in cui il dominio da te selezionato sia già in possesso di qualcuno, con il servizio Whois è possibile vedere chi ne ha la proprietà. Se in un prossimo futuro hai intenzione di mettere in rete un sito web, quindi, puoi già da ora registrare il dominio, di modo che non ti venga ‘rubato’ da altri.

Hosting
I siti e le pagine internet sono localizzati in specifici computer chiamati server, che rendono disponibili le pagine agli utenti che ne richiedano la navigazione via browser. Nel caso di aziende non molto grandi solitamente la cosa più conveniente è utilizzare un servizio di hosting a pagamento o affidarsi a un provider di servizi di rete per ospitare sui loro server il sito.
Questo perché i provider di spazi sono in grado di tenere sotto controllo, gestire e assicurare la sicurezza dei propri server, di modo che i siti che vi vengono ospitati siano sempre online e disponibili alla navigazione da parte degli utenti. Non è bello, infatti, che un utente incontri il messaggio ‘Impossibile visualizzare la pagina’ mentre cerca di accedere al tuo website. Nel caso in cui invece desideri creare una intranet, ossia una rete interna ad uso riservato di chi lavora in azienda, puoi tranquillamente ospitarla su uno dei computer aziendali.

Pubblicazione
Nel caso in cui tu abbia in mente di realizzare un ecommerce abilitato alla vendita con carta di credito, è meglio che ti metta nelle mani di un progettista web. Ma se ti senti audace e intraprendente, puoi anche provare a crearlo autonomamente, utilizzando un editor visuale (frequentare prima un corso non sarebbe male). Quando sarai ormai esperto nella creazione di siti, potrai anche aggiornarlo in tranquillità. Ma prima di pubblicarlo ufficialmente in rete, assicurati che funzioni provandolo con diversi browser.
Dopo essersi assicurati del perfetto funzionamento, arriva il momento di caricarlo sul server. Dopo questa operazione, potrai digitare l’indirizzo del tuo dominio e goderti, finalmente, il tuo sito online. Ma se desideri che abbia il successo che merita, è necessario che venga periodicamente aggiornato, per far in modo che nessuno pensi che la tua azienda non sia più attiva.

Come Riconoscere gli Errori di Windows Velocemente

Come ben sappiamo nonostante i sistemi operativi di casa Microsoft siano tra i più user-friendly, ma come sempre, delle volte possono lanciare dei messaggi di errori dovuti ad cause eccezionali o a nostre mancanze. In Windows, ad ogni errore è associato un codice e nella maggior parte dei casi è buona norma tentare di risolvere l’errore che ci viene proposto. Se non ve la sapete cavare da soli , spesso si indica l’errore tramite Google e si cerca una risposta. Esiste un utility nata per aiutare gli utenti a riconoscere più in fretta un errore e quindi a trovare rapidamente una soluzione ad esso.

Windows Error Code Lookup Tool, molto famoso anche col nome di ErrMsg, è un programma che consente di riconoscere subito un errore in base al suo codice.

Quando vi troverete davanti ad un errore in Windows lanciatelo ed inserite il codice indicato. Il Tool vi indicherà le cause dell’errore e delle possibili soluzioni, in modo tale da avere già chiaro in mente come operare e cosa fare, grazie ella informazioni , seppur basilari, offerte.

Utile per provare a risolvere rapidamente gli errori, L’utility è completamente gratuita, e supporta i sistemi operativi Windows in tutte le sue versioni. E’ portable e non richiede di alcuna istallazione.

1 2 3 22